Progetti in corso, o quasi.

Posted by GlareUsy on giu 5, 2010 in Eventi, Progetti, Self Exposure | 2 comments

Siccome mi piace impegnare il mio tempo con cose delle quali non frega niente a nessuno, ho pensato bene (un po’ per caso, un po’ perché certe cose, non si sa come, prendono vita senza che nessuno glie l’abbia chiesto – tipo le smagliature dal color cangiante o la muffa sul mascarpone del tiramisù quando lo lasci in frigo un giorno di troppo aspettando il momento giusto per degustarlo in santa pace, e poi invece lo devi buttare fra mille bestemmie) di focalizzare quasi tutta la mia attenzione fotografica su 3 progettini molto simpatici.
Il primo riguarda i 7 peccati capitali. Tema masticatissimo che sto cercando di ruminare con un po’ di originalità e di concetti non immediatamente chiari. E’ un progetto iniziato in collaborazione con Samanta Giambarresi (giovane scrittrice Catanese; accompagnerà ogni foto e ogni peccato con dei testi nati dalle sue personali interpretazioni delle foto), e che, se dio vuole, terminerà con un’esposizione in un luogo non ancora individuato della mia Catania bedda.
E’ composto da 3 foto per ogni peccato, ma sto procedendo con un po’ di disordine; l’unico peccato già completato (manco a dirlo) è Lussuria, e non è mica stato facile come pensavo, comunque! E no, non ci sono tette.
Davvero avventurosa come storia, quella delle foto per questo peccato. L’episodio che mi ha fatto più realizzare quanto io sia scema disposta a dare per far venire una foto esattamente come l’ho immaginata, è stato quello che ha visto il pollice della mano destra della sottoscritta letteralmente ustionato da caramello bollente, che avrebbe dovuto, con i giusti filamenti, somigliGolaare a una ragnatela.
E’ inutile che vi chiediate che c’entrino le ragnatele con la lussuria (anche se sono sicura che qualcuno crede di avere già la risposta: NO, non è quello che state pensando), ve l’ho detto che il mio secondo nome è originalità (Yeah).
Ho poi scattato alcune foto per gli altri peccati, fra le quali ce n’è una che reputo particolarmente divertente, e con questa vi lascio perché ho già scritto troppo, e poi la gente si stufa a leggere i papiri. Vi racconterò degli altri 2 progetti prossimamente.

Alla prossima, e non infilate MAI le dita in un pentolino pieno di caramello bollente!

2 Commenti

  1. il sacrificio del pollice nel nome dell’arte ha qualcosa di eroico.

Lascia un commento